image_pdf

rushdoony

Teologia da loculo.

Nel mondo moderno, lo stato umanistico afferma questa sovranità: essere il moderno dio in terra. Lo stato moderno afferma sovranità e cattolicità; le Nazioni Unite sono il tentativo dello statalismo umanista di ottenere vera e piena universalità e cattolicità.

Nel frattempo, la Chiesa Cristiana lavora alacremente per allontanarsi dalla dottrina della sovranità di Dio e la sua necessaria giurisdizione cattolica. La cristianità è sempre più limitata ad un reame “spirituale” (del quale ora concede ampi spazi alla psicologia e alla psichiatria), e il resto del mondo è ceduto allo stato.

Il risultato è una teologia da loculo. Per capire cosa sia la teologia da loculo, possiamo paragonare l’universo all’Empire State Building, un moderno edificio dirigenziale. Nella teologia da loculo, la chiesa reclama per la cristianità solo un piccolo ufficio tra centinaia. Tutto il resto dell’edificio è lasciato alla giurisdizione dello stato e della scienza. Un area dopo l’altra viene considerata non-religiosa e viene arresa. Ciò viene fatto malgrado

il fatto che Dio sia il Creatore e Signore di tutto l’universo e perciò abbia giurisdizione totale e assoluta su tutte le cose. La Parola-Legge di Dio, la sua giurisdizione e la sua autorità devono governare tutte le cose. “Tutte le cose sono state fatte per mezzo di lui, e senza di lui nessuna delle cose fatte è stata fatta” (Gv. 1:3)

La giurisdizione della chiesa è limitata, ma la giurisdizione del Dio trino, di Cristo nostro Re e della Bibbia, la Parola-Legge di Dio, non possono essere limitate. Ogni area di vita e di pensiero deve essere sotto il dominio del Signore: Egli solamente è veramente sovrano.

-R.J. Rushdoony

(Box Theology: Chalcedon Position Paper No. 39)

Share
Share